Cronaca

Assistente capo della Penitenziaria si toglie la vita: era originario del casertano

Assistente capo della Penitenziaria si toglie la vita: era originario del casertano
 
 

PROVINCIALE – Assistente capo della Polizia Penitenziaria di 47 anni si toglie la vita. E’ successo a Cantù dove l’uomo, originario del casertano che era in servizio presso il carcere di Como, viveva con la famiglia. A diffondere la notizia è stato il SAPPE (Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria). L’uomo era sposato ed aveva due figli. Non si conoscono al momento le cause che hanno generato il gesto estremo. “Siamo sconvolti: sembra non avere fine il mal di vivere che caratterizza gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, uno dei quattro Corpi di Polizia dello Stato italiano”, dichiara Donato Capece, segretario generale del SAPPE. “Siamo sconvolti. L’uomo e...
 
 
ra benvoluto da tutti, sempre allegro e simpatico. Faceva servizio nelle sezioni detentive, a turno, ed era da circa sei anni in servizio a Como, dopo altre esperienze lavorative (...
 
 
anche a Milano San Vittore). Nessuno mai ha percepito un suo disagio. E’ importante evitare strumentalizzazioni ma fondamentale e necessario è comprendere e accertare quanto hanno eventualmente inciso l’attività lavorativa e le difficili condizioni lavorative nel tragico gesto estremo posto in essere dal poliziotto. Ripeto: i colleghi mi riferiscono che nessuno aveva percepito un suo eventuale disagio. Quel che è certo è che sui temi del benessere lavorativo dei poliziotti penitenziari l’Amministrazione Penitenziaria e il Ministero della Giustizia sono in colpevole ritardo, senza alcuna iniziativa concreta. Al ministro Bonafade ed ai Sottosegretari di Stato Andrea Giorgis e Vittorio Ferraresi chiedo un incontro urgente per attivare serie iniziative di contrasto al disagio dei poliziotti penitenziari. Lo scorso anno 2019 sono stati 11 i poliziotti penitenziari che si sono tolti la vita: il Ministero della Giustizia e il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria non possono continuare a tergiversare su questa drammatica realtà”, conclude. “Servono soluzioni concrete per il contrasto del disagio lavorativo del Personale di Polizia Penitenziaria. Come anche hanno evidenziato autorevoli esperti del settore, è necessario strutturare un’apposita direzione medica della Polizia Penitenziaria, composta da medici e da psicologi impegnati a tutelare e promuovere la salute di tutti i dipendenti dell’Amministrazione Penitenziaria. Non si perde altro prezioso tempo nel non mettere in atto immediate strategie di contrasto del disagio che vivono gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria è irresponsabile. Rinnovo il appello al Ministro Bonafede: non si può e non si deve perdere altro tempo su questa grave, inquietante ma ancora troppo trascurata drammatica realtà!”.
 
 

Altre Notizie

Quasi ultimati i rilievi per la soppressione dei passaggi a livello

MADDALONI – (di Antonio Cembrola) In via di ultimazione i rilievi per la soppressione dei passaggi a livello sul territorio comunale. In questi gior...

Venti anni dalla morte di Don Salvatore, De Luca: 'In lui la virtù della carità'

MADDALONI – Veniva a mancare, la sera del 30 maggio 2000, don Salvatore d’Angelo, sacerdote e fondatore del Villaggio dei Ragazzi. A 20 anni dalla...

Venti anni senza Don Salvatore, il sindaco: 'Da quando non c'è più questa città è meno ricca'

MADDALONI – (di Antonio Cembrola) E’ terminata da poco la messa solenne celebrata in occasione del ventesimo anniversario dalla scomparsa di Don S...

Minaccia il fratello di morte per avere denaro: 38enne finisce ai domiciliari

PROVINCIALE – Minaccia di morte il cugino per farsi consegnare del denaro. E’ avvenuto a Casal di Principe dove i carabinieri della locale stazion...

Coronavirus, 10 positivi su 4.364 tamponi in Campania

REGIONALE – Ancora dati positivi in Campania. Nella giornata di ieri si sono registrati 10 positivi su 4.364 tamponi effettuati. Un incremento dello...

Coronavirus, lieve rialzo nel casertano: tre positivi in più

PROVINCIALE – (di Antonio Cembrola) Lieve rialzo dei contagi in provincia di Caserta. Sono tre i nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore. Ques...

Temporali e raffiche di vento: allerta gialla in Campania

REGIONALE – Nuova allerta meteo in Campania. A comunicarlo è stata la Protezione Civile della Regione Campania. Si tratta di un’allerta di colore...

Riapre la piscina del 'Dinami Klab': le disposizioni per l'accesso

MADDALONI – (di Antonio Cembrola) Lunedì 1 giungo riapre la piscina del gruppo ‘Dinami Klab’ in via Libertà a Maddaloni. Si tratta della prima...

Coronavirus, dati stabili in Campania: 10 positivi su 4.601 tamponi

REGIONALE – Ancora dati positivi in Campania. Nella giornata di ieri si sono registrati 10 positivi su 4.601 tamponi effettuati. Un risultato che ra...

Coronavirus, nessun nuovo positivo nel casertano

PROVINCIALE – (di Antonio Cembrola) Nessun positivo in provincia di Caserta. Questo è il dato che è emerso dall’ultimo bollettino diffuso dall...

Casello A30 a Maddaloni: ancora bloccati i cantieri

MADDALONI – (di Antonio Cembrola) Ancora fermi i lavori per il casello autostradale di Maddaloni. Nonostante il parere del Consiglio di Stato che ha...

Inseguimento in via Forche Caudine: un uomo finisce in manette

MADDALONI – Blitz della polizia in via Forche Caudine. Il fatto è avvenuto oggi pomeriggio a Maddaloni. I poliziotti hanno arrestato un uomo all...