MADDALONI – (di Antonio Cembrola) Rifiuti pericolosi affiorano nei cantieri aperti sul territorio maddalonese. Questa è la scabrosa scoperta di questi ...
 
 
ultimi giorni. Il rinvenimento di questi rifiuti pericolosi è un fenomeno che sta interessando sia il cantiere per la costruzione della linea ferroviaria ad alta capacità Napoli – Bari, sia quello per la costruzione del nuovo casello autostradale dell’A 30. Per quanto riguarda il primo cantiere, oltre all’immondizia di vario genere come materiali in plastica, indumenti ed altro, dal terreno è emerso un vero e proprio deposito di amianto sottoforma sia di tu...
 
 
bi che di canne fumarie. Il sindaco di Maddaloni Andrea De Filippo ha già predisposto non  solo la recinzione preventiva del sito, ma anche l’isolamento dei rifiuti. Per il momento sono tantissimi i sacchi di eternit raccolti. Sul cantiere dell’A 30 invece, lungo l’ex statale 265 sono stati rinvenuti nel sottosuolo dei veri e propri depositi di batterie d’auto esauste ed anche in questo caso sono state avviate tutte le procedure del caso. Se da un lato queste scoperte lasciano attoniti i cittadini per l’ingente mole di veleno nel sottosuolo, dall’altro abbiamo almeno il vantaggio di veder rimossi questi rifiuti dai nostri terreni.