MADDALONI – E’ stato presentato ufficialmente il progetto ‘Maddaloni Cardioprotetta’, promosso dall’assessorato alla protezione civile...
 
 
, guidato da Gigi Bove, che prevede la distribuzione di defibrillatori sul territorio. L’iniziativa ha trovato la collaborazione della Casa di Cura ‘San Michele’, che ha donato i defibrillatori, e del comitato maddalonese della Croce Rossa Italiana, che sta curando l’aspetto formativo del progetto. La presentazione si è svolta oggi alle ore 12:00 presso la biblioteca della Casa di Cura ‘San Michele’. Hanno preso la parola: Lidia Barletta per la struttur...
 
 
a ospedaliera, il sindaco di Maddaloni Andrea De Filippo, il presidente del comitato maddalonese della CRI Marco De Simone, l’ispettore della Polizia di Stato Tagliafierro, in rappresentanza del commissario Mannarelli, il comandante della stazione dei carabinieri di Maddaloni maresciallo Domenico Di Carluccio ed il comandante della polizia municipale Domenico Renga. A moderare è stato l’assessore Gigi Bove che ha anche introdotto il progetto. A prendere per prima la parola è stata Lidia Barletta che ha sottolineato la volontà della struttura ospedaliera ‘San Michele’ di essere utile alla comunità: “Siamo orgogliosi di operare in questo territorio e di portare il nome di Maddaloni alla ribalta per i risultati che abbiamo raggiunto come azienda. Proprio per questo abbiamo deciso di supportare con questa iniziativa la salvaguardia e la salute dei cittadini maddalonesi”. Ad intervenire è stato poi il sindaco Andrea De Filippo: “Questa iniziativa – ha dichiarato il primo cittadino – rientra in un clima di concordia che deve esserci tra le varie realtà di un territorio e si pone l’obiettivo di far crescere quel senso di comunità e di appartenenza che non sempre pratichiamo. Sono contento di aver trovato la disponibilità di un’importante attività imprenditoriale, della società civile, rappresentata dalla Croce Rossa e dalla Protezione Civile, e delle forze dell’ordine”. De Filippo ha voluto ricordare nel suo intervento un recente passato dove “la città era piegata su sé stessa e dove la comunità ha preferito dividersi sulle cose da fare. Oggi Maddaloni ha ripreso il suo cammino grazie al lavoro di questa amministrazione ed anche e soprattutto grazie alle tante realtà che operano sul territorio operando con lo spirito di chi sa di poter fare ciò che è possibile fare”. Dopo l’intervento del sindaco, ha preso la parola Marco De Simone che ha illustrato il progetto: “I defibrillatori verranno dati al Comune di Maddaloni, che lo posizionerà alla sede centrale, alle forze dell’ordine, ovvero Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri, al nucleo comunale di Protezione Civile, ed alla Polizia Municipale. Naturalmente per essere completamente utili alla comunità e per fare in modo che i defibrillatori non siano soltanto scatolette messe in un angolo e dimenticate abbiamo già provveduto alla formazione di 7 carabinieri, mentre nei prossimi giorni partirà quella per poliziotti, dipendenti comunali, vigili, e volontari di Protezione Civile”. De Simone ha anche annunciato un altro evento per il 22 settembre nell’area della fiera settimanale durante il quale, oltre alla consegna dei defibrillatori, in collaborazione con la Casa di Cura ‘San Michele’, si svolgeranno controlli cardiologici gratuiti per tutti i cittadini e dimostrazioni pratiche delle azioni del primo soccorso. A chiudere la conferenza stampa sono stati i saluti dei tre operatori di polizia che hanno lodato l’iniziativa di ‘Maddaloni Cardioprotetta’.