MADDALONI – Scontro nella minoranza sull’impianto di compostaggio. Dopo le dichiarazioni al vetriolo del membro della segreteria provinciale del Pd Giov...
 
 
anni Ventrone contro il consigliere Angelo Tenneriello, presentatore della mozione sull’impianto di compostaggio, e contro il capogruppo consiliare del Partito Democratico Angelo Campolattano che ha votato a favore della mozione, era inevitabile una qualche reazione. A prendere la parola per primo è stato il consigliere di ‘Maddaloni Positiva’ Angelo Tenneriello attraverso una nota stampa: “Maddaloni è la città dove tutti possono parlare di tutto spes...
 
 
so a sproposito e senza alcuna cognizione di causa. Associare Turbogas, Cava Monti ed altre problematiche ambientali al sito di compostaggio è una stupidaggine sia in termini politici sia in termini tecnici. Associare il sito di compostaggio alla comparsa di tumori è un’offesa alle comuni nozioni di chimica organica ed inorganica e di biochimica. Per anni, nell’indifferenza generale, ho parlato delle criticità ambientali della città”. Per il consigliere ideatore e presentatore della mozione, è giunto il momento di segnare un cambio di rotta nel modo di fare politica, prediligendo le scelte alle attese: “Si dice va bene il sito di compostaggio purchè sia fatto altrove. Questo modo di fare politica indirizzato al non decidere ha decretato il fallimento della città. La città ha bisogno di scelte coraggiose e fondamentali per la crescita e lo sviluppo. Ricordiamo ai sapientoni di turno che l’attuale gestione privata dei siti di trattamento dell’umido costringe il comune a bandire una gara per il conferimento a 240 euro a tonnellata che potrebbe determinare un aumento della TARI con ulteriore aggravio della situazione economica di tante famiglie…Questioni personali o aspirazioni politiche non dovrebbero condizionare scelte politiche collettive. D’altronde la storia politica della città è ricca di scelte scellerate circa la gestione della “monnezza” sia in termini ambientali vedi Foro Boario sia in termini economici vedi carrozzone politico dell’Unione dei Comuni il cui costo è ricaduto interamente sui cittadini con il dissesto. Mentre prima si taceva ora si critica in maniera aspra un semplice atto di indirizzo di cui non sono noti gli esiti, di cui non sono note le modalità di realizzazione e di cui non è nota la localizzazione. Ma aldilà delle questioni economiche dimostrino gli attuali esperti di tematiche ambientali la correlazione esistente tra sito di compostaggio ed inquinamento ambientale”. Tenneriello non solo si difende dalle accuse mossegli a mezzo stampa, ma attacca sottolineando il carattere contradditorio delle dichiarazioni del membro della segreteria provinciale del Pd Giovanni Ventrone: “Intanto il comune di Caserta, a guida PD, reclama in maniera veemente il suo sito di compostaggio o il suo biodigestore e considerato le problematiche che incontra la localizzazione proposta a Ponteselice non si può escludere una futura localizzazione a Lo Uttaro, cioè alle porte della nostra città, già proposta in passato dagli amministratori del comune capoluogo ed avversata dal sottoscritto. Una scena già vista con il termovalorizzatore realizzato ai confini della città ed i cui effetti sono molto spesso subiti dai cittadini di Maddaloni senza alcun vantaggio sia in termini economici sia in termini occupazionali”. In chiusura del suo comunicato, Tenneriello rompe gli indugi e punta il dito direttamente contro il suo accusatore: “l’aspirante consigliere Giovanni Ventrone faccia votare alla segreteria provinciale del Partito Democratico, di cui è membro, una mozione o nota in cui venga chiaramente indicato, ribadendo le motivazioni addotte per Madddaloni, che nemmeno Caserta può ospitare un sito di compostaggio o un biodigestore. Dimostri in tal modo di essere credibile. La politiche ambientali e la salute sono argomenti seri non certamente adatti a trattazioni occasionali e scopiazzate”.